Giosuè Ruotolo e Mariarosaria Patrone all'epoca in cui erano fidanzati (fonte Facebook)

TI OFFRIAMO INFORMAZIONE GRATUITA, RICAMBIA CON UN GESTO DI CORTESIA: CLICCA QUI E LASCIA UN LIKE SULLA PAGINA FACEBOOK DI STYLO24.IT

Novità sul versante del duplice omicidio di Pordenone. Mariarosaria Patrone, 26 anni, ex fidanzata di Giosuè Ruotolo, condannato all’ergastolo in primo grado per l’uccisione di Trifone Ragone e della fidanzata Teresa Costanza, all’esterno del palasport di Pordenone nel marzo 2015, dovrà rispondere in Tribunale delle accuse di favoreggiamento e false dichiarazioni. Lo riporta la stampa locale. Secondo gli inquirenti, la giovane – che nel frattempo si è laureata ed è praticante avvocato – avrebbe aiutato il fidanzato a eludere le indagini chiedendo alle amiche di Somma Vesuviana di tacere su quello che la Corte nel processo a Ruotolo ha definito il «fulcro del movente»: le molestie su Facebook di Ruotolo alla coppia.

ad

Le ipotesi di favoreggiamento sono legate anche alla cancellazione di alcuni messaggi scambiati con Ruotolo e che potrebbero aver avuto una relazione con il duplice omicidio. L’accusa di rivelazioni false ai pm riguarda invece il 23 settembre 2015, quando la donna fu sentita a sommarie informazioni testimoniali nella caserma dei carabinieri di Pordenone e affermò che tra Trifone e Giosuè non c’era mai stato alcun attrito. Il processo sarà avviato a Pordenone, ma la competenza territoriale potrebbe essere a Napoli, perché la Patrone quando ha avvicinato le amiche si trovava a Somma Vesuviana.

TI OFFRIAMO INFORMAZIONE GRATUITA, RICAMBIA CON UN GESTO DI CORTESIA: CLICCA QUI E LASCIA UN LIKE SULLA PAGINA FACEBOOK DI STYLO24.IT