cerciello
Al centro Mario Cerciello Rega, ai lati (Elder a destra) i due californiani a processo per l'omicidio

Il documento presentato nel corso del processo per l’omicidio del vicebrigadiere dei carabinieri, di Somma Vesuviana

La circostanza emerge da un verbale che è stato depositato ieri al processo per l’omicidio del vicebrigadiere dell’Arma, Mario Cerciello Rega (ucciso il 26 luglio dello scorso anno a Roma). Ed è una circostanza rilevantissima. Stando al verbale – rimasto segreto per circa un anno – il pusher Italo Pompei era un «confidente dei carabinieri» e poche ore prima delle tragedia, i militari in servizio a Trastevere sarebbero stati impegnati proprio in una operazione organizzata grazie all’aiuto del collaboratore. Per l’omicidio del carabiniere, 35enne originario di Somma Vesuviana, sono stati arrestati i giovani studenti americani Lee Finnegan Elder e Gabriel Natale Hjorth. La notizia dei verbali è stata riportata da Il Corriere della Sera, nell’articolo a firma di Fiorenza Sarzanini.