lunedì, Ottobre 3, 2022
HomeNotizie di PoliticaGiggino promette più servizi nel 2020, ma non garantisce le funicolari aperte...

Giggino promette più servizi nel 2020, ma non garantisce le funicolari aperte la notte di Capodanno

Le parole del primo cittadino.

”Il 2020 deve essere l’anno dell’innalzamento dei servizi e quindi della qualità della vita che passa soprattutto attraverso miglioramenti nei rifiuti, nella pulizia, nel decoro e nei trasporti. Sono questi i temi su cui ci impegneremo e lo faremo anche con la durezza necessaria perché avendo messo in campo una serie di misure non ci sono alibi per nessuno”. Queste le parole del sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, in vista del nuovo anno che inizierà tra qualche ora. Rispetto all’anno che sta per concludersi, il sindaco ha parlato di un 2019 di cui ha sottolineato ”la capacità di reazione di questa città perché è stato un anno difficile da molti punti di vista ma non abbiamo mollato e questo significa essere oggi, come da tutti riconosciuto, la città in vetta per cultura, energia e turismo”.

”C’è un accordo firmato. Lo so che questo è il Paese in cui si firmano accordi e poi non si rispettano ma, anche dalle indicazioni che mi sono state date, ho fiducia per ritenere che domani sera non accada nulla di imponderabile”. Così si è espresso il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, in merito al servizio di trasporto pubblico per la notte di Capodanno che prevede corse no stop per la linea 1 della metropolitana e per le funicolari Centrale e Chiaia. Un tema ‘caldo’ alla luce dei mancati prolungamenti dell’orario della Funicolare Centrale nei sabato di dicembre sebbene azienda e sindacati avessero trovato l’accordo necessari per garantire il funzionamento dell’impianto fino alle ore 2 della notte. Una vicenda rispetto alla quale il sindaco ha espresso ”grande amarezza personale e di tutti i napoletani per questa condotta che – ha affermato – non resterà priva di conseguenze sia nei provvedimenti che saranno adottati ma anche nell’organizzazione futura dell’azienda. Ci auguriamo – ha concluso – che il 31 notte anche per ragioni di ordine pubblico ci sia un comportamento responsabile poi il 2020 comincerà con una musica diversa rispetto a questa coda di 2019”.

Articoli Correlati

- Advertisement -