Il governatore campano al primo posto tra i politici nella classifica che testimonia la crescita delle interazioni sui social network.

Durante il lockdown, il modo più utilizzato per comunicare sono stati senza dubbio i social network. Ma non solo tra semplici parenti o amici che non avevano possibilità di potersi incontrare. Bensì anche, e forse soprattutto, tra i cittadini e le istituzioni. Giuseppe Conte ha vissuto un vero e proprio boom tra i politici. Dall’avvio dell’emergenza ha triplicato i propri fan su Facebook (ora sono 3,1 milioni) e Instagram (1,5 milioni), e raddoppiato quelli su Twitter (670 mila). Con le sue comunicazioni attese da milioni di italiani, pronti, in centinaia di migliaia, a collegarsi sui suoi profili. Ma il premier è stato sbaragliato da un altro avversario: Vincenzo De Luca.

Come riporta ‘ItaliaOggi’, nel confronto tra le interazioni nella settimana pre-Covid dal 10 al 16 febbraio e quelle del periodo dal 4 al 10 maggio, l’incremento più impetuoso lo registra il presidente campano De Luca, a quota 422 mila interazioni nella settimana di maggio, con un +1.407% rispetto alla settimana di febbraio. Al secondo posto c’è proprio il presidente del Consiglio (+1124% su febbraio), seguito dal governatore del Veneto Luca Zaia (+154%), li ministro degli Esteri Luigi Di Maio (+108%) e il leader di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni (+41%).

ad

Comparando audience e interazioni social con quelle televisive, in base alla elaborazione su dati Auditel, SenseMaker e Sharablee, in ogni caso, dalla parte di Conte resta sempre lo schermo televisivo. Infatti, il confronto dei puri numeri dimostra che la televisione è ancora di gran lunga il principale mezzo di formazione del consenso politico e di orientamento dell’opinione pubblica. Con gli individui raggiunti che restano sempre in numero molto maggiore rispetto alle visualizzazioni su Facebook.