venerdì, Maggio 20, 2022
HomeNewsDe Luca indagato: la dura risposta del governatore

De Luca indagato: la dura risposta del governatore

De Luca risponde alle accusa con un post al vetriolo

Il governatore della Regione Campania non ha perso tempo: oggi con un post pubblicato sulla sua pagina Facebook Vincenzo De Luca ha risposto alle polemiche relative a una indagine per truffa e falso avviata nel 2017.

Come riporta il quotidiano La Repubblica, che oggi ha sollevato il caso, De Luca avrebbe favorito quattro vigili, suoi autisti di fiducia nel feudo di Salerno, fino ad assumerli nello staff della Regione. Grazie alla nuova posizione i quattro avrebbero beneficiato di una retribuzione maggiore, nonostante l’assenza di curriculum e delle specializzazioni necessarie per accedere alla posizione.

De Luca in un post pubblicato sulla sua pagina Facebook ha prima ironizzato sullo «straordinario scoop giornalistico», per poi aggiungere: «Si apprende della tempestiva scoperta che da tre anni è aperta una indagine sull’organizzazione dell’Ufficio di segreteria del Presidente della Regione Campania». De Luca ha sottolineato di essere stato indagato per atto dovuto e che «l’indagine triennale verte su questo interrogativo: gli autisti che a turno accompagnano il Presidente della Regione, erano solo autisti o facevano anche lavoro di segreteria?».

La stoccata all’opposizione

Oltre ai giornalisti, De Luca ha attaccato anche Severino Nappi, sarebbe lui infatti «l’ex assessore regionale (ex Forza Italia, ora leghista)» che avrebbe fatto l’esposto dal quale poi è partita l’indagine. Nappi, secondo De Luca, «mentre era assessore si faceva dare incarichi per centinaia di migliaia di euro dall’azienda regionale dei trasporti Eav». «Indagate, indagate…» è l’invito che il governatore rivolge dalla sua pagina seguita da quasi un milione di utenti.

Ma non sono mancate le stoccate anche alla precedente amministrazione guidata dall’avversario Stefano Caldoro: «Nel frattempo – scrive De Luca – si comunica che l’organizzazione dell’Ufficio di segreteria della Presidenza attuale, rispetto a quella precedente, ha comportato un risparmio di 84.000 euro l’anno».

Infine, l’invito a non farsi distrarre.

Leggi anche...

- Advertisement -