Il governatore De Luca

Il governatore della Campania, Vincenzo De Luca, torna alla carica, nei confronti di uno dei suoi obiettivi preferiti. «Avevo un crisi di astinenza, non vedevo l’ora di risentire Di Battista, il villeggiante eterno. E’ il simbolo dell’Italia attuale. Gente che si sveglia la mattina e parla a vanvera tra una villeggiatura e l’altra. In un Paese normale uno si chiederebbe: ma chi è? Che ha fatto nella sua vita? E oggi abbiamo pagine di giornali che richiamano le posizioni di Di Battista. Non mi pare che ci sia molto entusiasmo oggi in Italia, rimane una scia di confusione e un clima di non convinzione».

Così si è espresso il presidente della Regione Campania, intervenuto a LiraTv.

AIUTACI CON UN LIKE A MANTENERE
L’INFORMAZIONE LIBERA E INDIPENDENTE

«Di Battista – aggiunge – è la conferma dell’ambiguità. Bisognava fare un’operazione verità che doveva partire da una domanda al gruppo dirigente M5S: ritenete siano corretti i comportamenti tenuti in questi anni? Quando ritenevate bastasse un avviso di garanzia per mandare a casa la gente e poi avete fatto il contrario con Appendino e Raggi?».