La nuova Stazione marittima (immagini tratte dal sito Autorità portuale di Napoli)

TI OFFRIAMO INFORMAZIONE GRATUITA, RICAMBIA CON UN GESTO DI CORTESIA: CLICCA QUI E LASCIA UN LIKE SULLA PAGINA FACEBOOK DI STYLO24.IT

Il terminal passeggeri del molo Beverello al porto di Napoli e’ al centro di una interrogazione parlamentare al ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli. “Il nuovo terminal e’ stato correttamente valutato, il suo impatto sul territorio, di rilevanza straordinaria, e’ stato sottoposto alla procedura di consultazione Pubblica? Ancora, perche’ e’ stata privilegiato il finanziamento del Terminal a discapito degli interventi di manutenzione straordinaria e ordinaria delle infrastrutture portuali gia’ programmati e ritenuti prioritari per la funzionalita’ dei porti di Napoli, Salerno e Castellamare di Stabia?”, e’ il quesito posto da 33 senatori del Movimento 5 Stelle, con primo firmatario il napoletano Vincenzo Presutto, al ministro dell’Ambiente e tutela del territorio e del mare, Sergio Costa, e al ministro delle Infrastrutture e dei trasporti, Danilo Toninelli.

ad
Il senatore del M5S, Vincenzo Presutto

“Il progetto di riammodernamento del terminal passeggeri al Beverello prevede la costruzione di importanti volumetrie in un’area a forte vocazione turistica a ridosso del Maschio Angioino, Palazzo Reale, Centro Storico ed e’ destinato ad avere un fortissimo impatto sul territorio, -prosegue nell’interrogazione il senatore Presutto – che prevede la realizzazione di due volumetrie non standardizzabili e caratterizzate da una forte intensita’ di armature. La durata dei lavori prevista e’ di 540 giorni in cui, in quell’area, sara’ compromessa la viabilita’ pedonale e stradale. In piu’, al termine dei lavori, sara’ compromessa in via definitiva la visuale libera di un tratto di mare. E’ possibile che tutto questo non sia stato sottoposto all’art 23 del D.L.gs 152/2006 che rendendo obbligatorio il procedimento di consultazione pubblica?”.

La nuova Stazione marittima (immagini tratte dal sito Autorità portuale di Napoli)

“Al ministro delle infrastrutture e dei trasporti – conclude – chiedo se ritenga di assumere le opportune iniziative al fine di verificare se la Direzione Generale per la Vigilanza sulle A.d.S.P abbia opportunamente e dettagliatamente valutato le modifiche introdotte al programma infrastrutturale dell’Autorita’ di Sistema Portuale del Mar Tirreno Centrale (Piano Operativo Triennale 2018-2020), privilegiando il finanziamento del terminal a discapito di interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria delle infrastrutture portuali gia’ precedentemente programmati e ritenuti prioritari per la funzionalita’ dei porti di Napoli, Salerno e Castellammare di Stabia”.

TI OFFRIAMO INFORMAZIONE GRATUITA, RICAMBIA CON UN GESTO DI CORTESIA: CLICCA QUI E LASCIA UN LIKE SULLA PAGINA FACEBOOK DI STYLO24.IT

Riproduzione Riservata