TI OFFRIAMO INFORMAZIONE GRATUITA, CONTRACCAMBIA CON UN GESTO DI CORTESIA: CLICCA QUI E LASCIA UN LIKE SULLA PAGINA FACEBOOK DI STYLO24.IT

Daniele Pandolfi ha deciso di collaborare con la giustizia. Il 25enne soldato del clan Vastarella, che imperversa nel rione Sanità, da oltre un mese sta rivelando tutto quanto in sua conoscenza ai magistrati della Dda. E proprio nel quartiere che sorge nel cuore pulsante di Napoli, sono apparse in questi giorni delle scritte sui muri che poco lasciano spazio all’immaginazione: “Daniele Pandolfi pentito infame”. Poche parole, ma in grado di esprimere un concetto chiaro, alla base della malavita che tanto ripudia quanto teme il fenomeno del “pentitismo”. Capace nel tempo di disgregare le più potenti organizzazioni criminali. Come avvenuto proprio nel quartiere caro a Totò con il clan dei Misso, quando fu proprio il ras Peppe “o’nasone”, prima amico d’infanza di Luigi Giuliano, “o ‘rre” di Forcella, poi tra i suoi nemici più temuti e combattuti, a parlare con le forze dell’ordine, dando il via a qualcosa di più grande di tutte le guerre portate avanti fino ad allora.

ad
Daniele Pandolfi

La distruzione di un impero che adesso anche i Vastarella vedono come possibilità da respingere con tutte le forze. E quindi c’è da mandare un messaggio diretto e preciso al quartiere e a chiunque dovesse anche solo pensare di seguire la strada tracciata da Pandolfi, finito in manette l’ultima volta lo scorso mese di marzo per estorsione, minacce e associazione a delinquere di stampo mafioso. Come riferisce il quotidiano ‘Il Roma’, le scritte sono apparse in via Vergini, in Arena alla Sanità, in piazza san Vincenzo, la cosiddetta “parte bassa” del quartiere sotto il controllo del clan. Tutte in blu e ben visibili anche di notte. Forse soprattutto. Quando certe strade diventano terra di nessuno. O meglio, di un qualcuno che ha già lanciato il suo segnale perché tutto resti così.

La risposta delle forze dell’ordine, invece, dovrebbe arrivare nelle prossime ore. Quando non è escluso che una relazione possa essere depositata in procura per poter individuare i responsabili, con l’aiuto delle telecamere di videosorveglianza installate proprio recentemente nella zona.

TI OFFRIAMO INFORMAZIONE GRATUITA, CONTRACCAMBIA CON UN GESTO DI CORTESIA: CLICCA QUI E LASCIA UN LIKE SULLA PAGINA FACEBOOK DI STYLO24.IT