Il 36enne pregiudicato Salvatore Iescone ci ricasca: bloccato dalla Municipale in via Scarlatti. Alcuni anni fa fu protagonista di un raid in casa con sequestro di persona

di Luigi Nicolosi

Armato di coltello si aggira tra le strade del Vomero pronto forse a compiere una rapina, ma durante il suo cammino si imbatte negli uomini della polizia locale e per lui scatta la denuncia. Protagonista, in negativo, dell’ennesima serata movimentata nel quartiere collinare di Napoli è il 36enne di Pianura, Salvatore Iescone, vecchia conoscenza delle forze dell’ordine, sempre per reati contro il patrimonio, che già nel 2014 si era reso protagonista insieme a due complici di un efferata rapina in casa con tanto di sequestro di persona. Anche in quel caso la vicenda si era consumata al Vomero.

ad

Stavolta il piano di Iescone non è però andato a buon fine. Il 36enne di Pianura è stato infatti intercettato nel tardo pomeriggio di ieri da una pattuglia dell’unità operativa Vomero, diretta dal capitano Gaetano Frattini, che in quel momento stava controllando la zona di piazza Vanvitelli. Il pregiudicato è stato fermato per un controllo in via Scarlatti, a pochi passi da una gioielleria, e gli agenti hanno subito notato che dalla manica destra del suo giubbotto fuoriusciva un coltello dalla lama lunga circa diciassette centimetri. A quel punto il 36enne è stato bloccato e portato negli uffici del comando di via Morghen.

Salvatore Iescone, dopo aver dichiarato che aveva appena comprato la lama ma di non ricordare in quale negozio, per il momento è riuscito a cavarsela con una denuncia a piede libero per porto abusivo di armi senza giustificato motivo. Gli accertamenti sulla vicenda sono però tutt’altro che conclusi. La polizia locale sta infatti cercando di capire, grazie anche all’ausilio delle telecamere della zona, se il 36enne pianurese possa essersi reso protagonista di alcune rapine recentemente avvenute in zona. Il suo nome era balzato alla ribalta della cronaca nera locale nel gennaio del 2014, quando insieme a due complici venne arrestato con l’accusa di rapina e sequestro di persona. La vittima, un ballerino vomerese, era stato infatti derubato dal commando mentre si trovava in casa con l’anziana madre.

Riproduzione Riservata