Paolo Ascierto

Le previsioni del professore sui tempi del vaccino: non prima di un anno, c’è tutta una serie di step da effettuare

Arrivano risultati incoraggianti anche dalla Germania (oltre che dalla Gran Bretagna), sul fronte della «cura Ascierto». Tre pazienti trattati con il Tocilizumab, presso l’ospedale universitario di Monaco di Baviera, sarebbero in miglioramento. Il professor Paolo Ascierto, oncologo del Pascale, intervistato da iNews24 ha parlato della fase 2 e del vaccino contro il Covid-19.  «Il Tocilizumab  – ha detto – è importante, ma lo è ancora di più il vaccino. Ci vorrà almeno un anno, perché c’è  tutta una serie di step da effettuare, come prevede il protocollo terapeutico messo a punto insieme alla mia equipe al Pascale di Napoli, che sta avendo ottimi risultati anche all’estero». «Il vaccino? Ci sono 30 aziende, come detto dall’Oms, che stanno sperimentando vaccini. Alcune di queste già sull’uomo, per molte altre è necessario fare test su animali, verificare che gli anticorpi neutralizzino il virus e non facciano peggio, che non ci siano effetti collaterali. Ci sono infine 3 fasi di sperimentazioni sull’uomo che impiegano tempo»m ha spiegato Ascierto.

Riproduzione Riservata