La nota: un’azienda allo sbando.

Questa mattina alcuni lavoratori aderenti al sindacato USB sono saliti sul tetto del deposito CTP di Arzano per protestare contro il mancato rispetto degli accordi sottoscritti in prefettura e per denunciare l’inadeguato livello di manutenzione dei mezzi che determina pesanti disservizi sulle linee esercite con inevitabili cancellazioni di corse e improvvise soppressioni.

Ieri pomeriggio il coordinamento Provinciale dell’USB ha inviato una serie di denunce presso gli organi competenti in cui veniva evidenziata la mancanza dell’equipaggiamento di sicurezza a bordo dei mezzi e del mal funzionamento dei dispositivi tesi a garantire la sicurezza dell’esercizio e il rispetto del codice della strada. Inoltre, sono state denunciate all’ASL Napoli 2, servizio di medicina e igiene sul lavoro, pesanti violazioni al testo unico sulla sicurezza sui luoghi di lavoro.

ad

Un’azienda allo sbando – afferma Peppe Ferruzzi del coordinamento Provinciale usb lavoro privato – da anni siamo impegnati per impedire la completa dissoluzione della CTP e la cancellazione – di fatto – del diritto alla mobilità nell’area metropolitana napoletana. Siamo stanchi di subire la politica delle “cattive gestioni” che hanno manomesso le casse della CTP e scaricato le varie “crisi aziendali” sulla pelle dei lavoratori e sulla qualità del servizio verso gli utenti. Vogliamo che l’azienda mantenga gli accordi presi in Prefettura, garantendo criteri di massima sicurezza, trasparenza e imparzialità nella gestione del personale.

Il trasferimento delle indicizzazione da città metropolitana verso CTP potrebbe avere tempi biblici, il servizio non può attendere. È arrivato il momento di fare una ‘operazione verità” su CTP. I roboanti proclami fatti finora non hanno migliorato la situazione, i lavoratori attendono cinque mesi di ticket arretrati, il versamento di anni di quote previdenziali non erogate al fondo pensione di categoria. Il natale si avvicina è ancora non abbiamo certezze sugli stipendi, sulla tredicesima e, soprattutto, sul futuro di CTP”. Sul posto i vigili del fuoco.