TI OFFRIAMO INFORMAZIONE GRATUITA, RICAMBIA CON UN GESTO DI CORTESIA: CLICCA QUI E LASCIA UN LIKE SULLA PAGINA FACEBOOK DI STYLO24.IT

Attimi di terrore per una ragazza; i fatti si sono svolti nel centro storico della città partenopea. Un uomo ha importunato e palpeggiato la malcapitata, poi ha aggredito anche i carabinieri intervenuti per difenderla. I militari dell’Arma hanno arrestato per violenza sessuale e per resistenza e lesioni a un pubblico ufficiale un 38enne del Rione Traiano già noto alle forze di polizia. I carabiniere sono intervenuti d’urgenza in un bar in Via Candelora (zona centro storico) dopo un richiesta al 112 ed hanno appurato che poco prima un uomo si era avvicinato a una ragazza e, dopo averle chiesto una cartina e non averla ottenuta perché la giovane non ne era in possesso, aveva preso a importunarla e a palpeggiarla.

La ragazza si è diretta verso il locale per sottrarsi e il 38enne l’ha seguita e le ha strappato di mano il telefonino lanciandolo lontano; tuttavia la vittima è riuscita a entrare nel bar e a chiudere la porta, che l’uomo aveva tentato di sfondare. Comprendendo che stavano per arrivare le forze dell’ordine, il 38enne si è allontanato verso largo Banchi nuovi dove i militari dell’Arma lo hanno individuato; quando gli si sono avvicinati per bloccarlo, ha reagito lanciando delle bottiglie di vetro con il collo rotto prese da un cassonetto, poi un vaso dell’arredo urbano, infine ha preso a calci e pugni un carabiniere, intervenuto per bloccarlo: il militare ha riportato escoriazioni e contusioni guaribili in 15 giorni.

TI OFFRIAMO INFORMAZIONE GRATUITA, RICAMBIA CON UN GESTO DI CORTESIA: CLICCA QUI E LASCIA UN LIKE SULLA PAGINA FACEBOOK DI STYLO24.IT