E’ stato denunciato per maltrattamento di animali, l’uomo che questa mattina trasportava legato in un passeggino, un capretto. Ad accorgersi di quanto stava avvenendo, Salvatore Iodice, consigliere dei Verdi della II Municipalità di Napoli.

La scena gli si è parata davanti
in Via Annunziata, non lontano
da Piazza Garibaldi dove nelle scorse ore, centinaia di musulmani si sono ritrovati
per celebrare la eId al-adha,
la Festa islamica del Sacrificio,
durante la quale è tradizione
macellare
un bovino o un ovino

Se in Piazza Garibaldi non è stato compiuto alcun sacrificio di animali, era invece probabilmente questa l’intenzione dell’uomo che in Via Annunziata trasportava il capretto con le zampe legate e costretto all’interno di un passeggino.

Il consigliere ha prima chiesto all’uomo di liberare
l’animale, poi ha allertato gli agenti di polizia

Iodice, che ha testimoniato quanto accaduto con un video poi pubblicato sui social network, è intervenuto prima chiedendo all’uomo di liberare l’animale e poi, davanti al suo rifiuto, chiamando la polizia. «E’ una barbarie fuori dal mondo camminare con un animale legato in quel modo – ha detto Iodice – Siamo per la libertà di culto ma non accetto che nel nostro Paese si possa pensare di andare in giro con un animale incaprettato nel passeggino. Ho urlato forte il mio disappunto e lo farò sempre». Secondo quanto ha riferito il consigliere della II Municipalità, la polizia, ha allertato l’Asl e l’uomo è stato denunciato per maltrattamento di animali. Sulla vicenda è intervenuto il consigliere regionale campano dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli, secondo il quale «la libertà di culto è uno dei pilastri della nostra Costituzione tuttavia non possiamo consentire che in nome di un rito religioso si commettano violenze ai danni di animali».