«Un sito pericoloso e non autorizzato», come «lo erano anche altri punti del Vulcano Solfatara di Pozzuoli», dove il 12 settembre del 2017 morirono asfissiati nel sottosuolo, Massimiliano Carrer, la moglie Tiziana Zaramella e il figlio Lorenzo. «Anche l’area della “spianata” era pericolosa e, soprattutto, priva di qualsivoglia autorizzazioni in sostanza di fatto abusiva». E’ quanto sostengono gli esperti nominati dal Tribunale di Napoli nella perizia realizzata per fare luce sulla tragedia della Solfatara.

Domani la documentazione sarà illustrata all’autorità giudiziaria. Conclusioni contenute in 240 pagine in cui, tra l’altro, «emerge in modo chiaro ed inequivocabile che l’area della cosiddetta spianata della Solfatara (fangaia, stufe, fumarole, belvedere, etc. etc.) era visitabile e fruibile, da parte degli avventori, senza che fosse stata rilasciata alcuna autorizzazione che, in qualche modo, avrebbe potuto dare luogo a controlli preliminari, quali Nulla Osta a parte in Enti in genere». Un dirigente del Comune di Pozzuoli quattro giorni dopo la tragedia, riferiva che agli atti dell’Ufficio Urbanistica del Comune «…non esiste alcun tipo di concessione né di provvedimento autorizzatorio per il sito Solfatara di Pozzuoli… ».

Le dichiarazioni del dirigente
del Comune di Pozzuoli

Tre giorni dopo, aggiunge, una parte della documentazione era «…andata distrutta a seguito degli eventi bradisismici nel 1983…. », essendo chiaro che l’ultima autorizzazione sindacale – scrivono ancora i periti – era risalente al 2008 e che comunque non riguardava la cosiddetta spianata.

La relazione
sarà illustrata domani
all’autorità giudiziaria

Alla tragedia sopravvisse solo il figlio più piccolo dei Carrer, che oggi ha dieci anni e vive con la zia. I familiari delle vittime sono patrocinati dagli avvocati Alberto Berardi e Vincenzo Cortellessa, con la collaborazione di Studio 3A.

A indagare sull’accaduto è la sezione della Procura di Napoli guidata dal procuratore aggiunto Giuseppe Lucantonio, con i sostituti Anna Frasca e Giuliana Giuliano. La Solfatara è attualmente sotto sequestro e nel registro degli indagati figurano per disastro colposo, Giorgio Angarano, amministratore della Vulcano Solfatara srl, di altri cinque soci della società che gestisce l’area (Maria Angarano, Maria Di Salvo, un’altra omonima Maria Di Salvo, Annarita Letizia e Francesco Di Salvo) e della società stessa. Nelle ultime pagine i periti del tribunale tracciano anche le linee guida che, se rispettate nella loro interezza, potrebbero consentire una fruizione sicura del sito.