La sparatoria avvenuta in piazza Nazionale lo scorso 3 maggio non ha visto come ignara quanto giovanissima protagonista solo la piccola Noemi, rimasta ferita da uno dei proiettili destinati a Salvatore Nurcaro. Ma, come appare in un video messo agli atti dell’inchiesta che tiene in carcere i fratelli Armando e Antonio Del Re, anche un altro bambino sarebbe entrato, e ancor prima dal punto di vista strettamente temporale, in questa vicenda.

 

Come riporta un articolo del ‘Mattino’ a firma del collega Leandro Del Gaudio, sono le 15.36 quando lungo corso Arnaldo Lucci sbuca da una traversa la Benelli gialla, che secondo l’accusa sarebbe stata utilizzata da Armando Del Re per compiere la sua missione di morte (fortunatamente non riuscita). Ma a bordo del mezzo, sempre stando alla ricostruzione, c’è Antonio Del Re. Che, però, non è solo. Nella staffetta tra i due fratelli, a bordo con il più giovane c’è anche un bambino di circa tre anni, con un ciuccio tra le labbra.

Chi è? Cosa ci fa? E’ forse un modo per non dare nell’occhio? Anche su questo si stanno concentrando gli inquirenti. Intenzionati a rispondere alle domande che ruotano intorno a questo nuovo particolare. Così come sarebbe importante che qualcuno rispondesse a come sia stato possibile vedere circolare un uomo e un bambino sul serbatoio di una moto guidata da una persona senza casco, senza che qualcuno avesse l’ardire di fermarlo per un controllo. Chissà come sarebbe andata e di cosa staremmo parlando adesso.