TI OFFRIAMO INFORMAZIONE GRATUITA, RICAMBIA CON UN GESTO DI CORTESIA: CLICCA QUI E LASCIA UN LIKE SULLA PAGINA FACEBOOK DI STYLO24.IT

Sono state concluse, dalla procura di Nocera Inferiore, le indagini sulle tre persone accusate di aver offerto a Sarno vitto e alloggio al marocchino El Hared Rachid, ritenuto componente di una cellula terroristica, nonché conoscente di Khaled Babouri. Quest’ultimo, il 6 agosto del 2016 aggredì a Charleroi con un machete due poliziotti in nome dell’Isis.

Si tratta di A.E. di 52 anni, la figlia A.E. di 25 anni, e M.H. 24enne marocchino, ex fidanzato di quest’ultima. Sarebbero stati loro, due anni fa, secondo quanto ricostruito dall’Antimafia, ad aver ospitato il nordafricano. Tutto è partito proprio dalle indagini condotte in seguito all’attentato in Belgio, arrivando fino al Salernitano. Dove l’uomo avrebbe ricevuto appoggio logistico nei primi giorni del dicembre 2016 (tra il 5 e il 15).

Khaled Babouri

Prima della richiesta di rinvio a giudizio, i tre potranno chiedere di essere interrogati o presentare memorie difensive. Eventualità per le quali hanno venti giorni di tempo a disposizione.

TI OFFRIAMO INFORMAZIONE GRATUITA, RICAMBIA CON UN GESTO DI CORTESIA: CLICCA QUI E LASCIA UN LIKE SULLA PAGINA FACEBOOK DI STYLO24.IT