Nei tribunali di mezz’Italia si aggira un informatico forense che dice di essere laureato in Informatica e non lo è. Di avere specializzazioni e master di cui, però, non vi è traccia. Giuseppe Dezzani è un geometra di Pinerolo che, parole sue, dal 1998 ad oggi ha gestito circa 2mila casi giudiziari alcuni dei quali si sono conclusi addirittura con l’ergastolo.

Perché nessuno ha mai chiesto a Dezzani che titoli avesse per esercitare?

In qualità di esperto informatico, lo hanno chiamato a lavorare i PM di Torino, Milano, Cagliari, Novara, Bolzano, Pavia, Genova, Brescia e Venezia; solo per citare gli uffici giudiziari più grandi ma l’elenco è molto più lungo. E nessuno che gli abbia chiesto, carte alla mano, che titoli avesse per analizzare tabulati e celle telefoniche di casi complicatissimi in cui c’è in gioco la vita degli imputati. È stato anche, come consulente di parte, nel collegio difensivo di Massimo Bossetti.

Giuseppe Dezzani ospite al Tg5
Giuseppe Dezzani ospite al Tg5

La Guardia di Finanza dell’Aquila, nell’ambito di un diverso filone giudiziario in cui è indagato, ha accertato che il curriculum di Dezzani contiene diverse «inesattezze». Anzitutto non ha conseguito il titolo di dottore in Ingegneria informatica. Eppure, nel corso di una udienza del processo per la scomparsa di Elena Ceste, il 22 luglio 2015, rispondendo a una precisa domanda del presidente del collegio, giudice Amerio, Dezzani ha affermato il contrario. È agli atti.

Il 6 novembre 2017, Dezzani, ad un convegno nell’Aula Magna del Palazzo di Giustizia di Torino, si è presentato come ingegnere e ha parlato di «Nuove frontiere in tema di truffe». Nell’ottobre 2016, il «Dr.» Giuseppe Dezzani è stato correlatore di una tesi di laurea in Ingegneria all’Università di Torino.

Giuseppe Dezzani è stato iscritto – a più riprese – al Politecnico di Torino ma, nel 2006, è decaduto da studente universitario. Ha dato qualche esame, null’altro.

Il ruolo fondamentale di Dezzani nel processo per l’omicidio di Elena Ceste

Nel processo per l’omicidio di Elena Ceste, scomparsa il 24 gennaio 2014 e ritrovata nel canalone vicino casa, a Costigliole d’Asti, il 18 ottobre dello stesso anno, il ruolo di Dezzani come consulente della Procura è stato fondamentale. L’unico imputato, il marito della vittima Michele Buoninconti, è stato condannato in Appello a trent’anni di carcere anche e soprattutto sulla base della consulenza che lo collocava nel punto in cui furono rinvenuti i resti della moglie.

Michele Buoninconti, marito di Elena Ceste, condannato per omicidio
Michele Buoninconti, marito di Elena Ceste, condannato per omicidio

Alle 9.00 del 24 gennaio, secondo quanto ricostruito da Dezzani, il vigile del fuoco non si trovava sotto casa sua come da lui affermato ma vicino al Rio Mersa ad occultare il corpo della 37enne. I legali di Buoninconti hanno fatto ricorso in Cassazione per impugnare la sentenza di secondo grado, ma con la scoperta della mancanza dei titoli del consulente si apre un contenzioso di merito e di metodo. Nel merito rispetto alla risposta fornita dal consulente Dezzani al giudice Amerio che gli chiedeva della laurea; nel metodo rispetto alle conoscenze specifiche che sono richieste per poter svolgere l’incarico di consulente informatico forense.

La richiesta di molti avvocati difensori di revisione dei processi in cui è stato coinvolto Dezzani

Molti difensori di imputati condannati si stanno organizzando per chiedere la revisione di decine di processi in cui Dezzani è stato coinvolto. Sul possesso dei titoli, agli avvocati di Buoninconti Enrico Scolari e Giuseppe Marazzita sono infatti sicuri: «Non ha i titoli accademici per sostenere quel ruolo. La Cassazione, in merito al processo sulla morte di Meredith Kercher, ha stabilito una serie di elementi assai rigidi a monte delle perizie da utilizzare nei processi». Ancor prima era stata la criminologa Ursula Franco, che fa parte del collegio difensivo di Buoninconti, a sollevare dubbi sulla veridicità del curriculum di Dezzani.

Contattato, il consulente forense premette di non «poter dare spiegazioni, perché il procedimento dell’Aquila a mio carico è ancora in corso (ma pende richiesta di archiviazione, ndR)» ma assicura che ci sono «imprecisioni» sia nella trascrizione del verbale d’udienza, in cui lui afferma di essere laureato in ingegneria informatica, sia nel rilascio delle certificazioni esibite nel curriculum, di cui la Finanza non è riuscita a reperire traccia, perché «io ho in mano gli originali».

Il Ministero della Giustizia manderà gli Ispettori alla Procura di Asti che ha continuato a servirsi di Dezzani, nominandolo consulente in un caso di omicidio nell’estate 2017, nonostante fosse a conoscenza che lo stesso era privo di titoli accademici?