La Guardia di Finanza di Torino ha sequestrato oltre 350.000 confezioni di colla potenzialmente pericolosa. Gli stick, di uso comune, erano composti da materiali tossici e nocivi. Nove gli imprenditori denunciati che importavano i prodotti dalla Cina, per svariati reati, dalla frode in commercio, all’immissione in commercio di prodotti pericolosi sino alla vendita di prodotti contenenti sostanze vietate mentre il valore della merce sequestrata supera i 2 milioni di euro.

Finanza colla cancerogena

Nella colle è stato trovato dicloroetano, una sostanza cancerogena tossica irritante e cloroformio anch’esso irritante. In caso di inalazione, ingestione o assorbimento cutaneo, anche in piccolissime quantità, avrebbero potuto provocare lesioni acute o croniche. False anche le etichettature apposte sulle confezioni riportanti indicazioni palesemente contraffatte. Le colle tossiche erano stoccate in 16 depositi dislocati un po’ in tutta Italia, tra cui Firenze, Cremona, Padova, Catania, Latina, Mantova, Napoli e Brescia.