Alle due di notte i lampeggianti delle auto dei carabinieri interrompono le danze. In due locali del Vallo di Diano, in provincia di Salerno, scatta il blitz per verificare il rispetto delle norme: un’operazione programmata da giorni, non legata alla tragedia di Corinaldo, che fa emergere un lungo elenco di irregolarita’ e di rischi. Anzitutto la folla: i presenti sono in un caso il triplo, in un altro il doppio della capienza consentita. I giovanissimi escono stupiti: “Non conoscevamo la capienza autorizzata, ci sembrava tutto a posto”.

Invece molto non e’ a posto al “Be.Cool”
di San Pietro al Tanagro, piccolo centro di 1800 abitanti
ai confini tra Campania e Basilicata
.

I carabinieri della Compagnia di Sala Consilina, guidati dal capitano Davide Acquaviva (nel 2016 alla ribalta delle cronache per essere diventato il piu’ giovane comandante di Compagnia in Italia, a soli 27 anni), riscontrano 500 presenze a fronte delle 150 consentite dalla licenza di agibilita’. Non solo, le uscite di sicurezza risultano inaccessibili: quelle interne ostruite da tavoli utilizzati come guardaroba improvvisati, quelle esterne impraticabili a causa di diverse automobili parcheggiate a ridosso delle porte di accesso. Il locale gia’ in passato era finito sotto sequestro per l’eccessivo numero di avventori.

Ad Atena Lucana, invece, nel risto-pub “Officina Gambrinus”, si tiene uno spettacolo musicale con dj set malgrado la licenza sia stata rilasciata solo per somministrazione di bevande e pasti. I militari riscontrano la presenza del doppio del numero dei clienti rispetto alla capacita’ del locale: sono presenti 400 persone invece che 200, capienza massima autorizzata. Vengono rilevate anche violazioni delle norme di prevenzione degli incendi. Per i titolari dei due locali scattano denunce e sanzioni per complessivi 18mila euro.

Le verifiche durano fin quasi all’alba, impegnando una trentina
di militari della Compagnia locale in collaborazione
con personale del Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro
di Potenza, della Asl di Salerno e della Siae di Napoli
.

Il ministro degli Interni Matteo Salvini, ospite di Lucia Annunziata su RaiTre, cita i due sequestri e ringrazia i carabinieri per l’operazione. Soddisfatte le famiglie della zona, che sui social parlano di “scampato pericolo” per i loro figli rispetto ai potenziali rischi cui andavano incontro.