Non si finisce di sparare a Napoli, i vicoli del «ventre molle» della città continuano ad essere illuminati dai lampi delle detonazioni delle armi da fuoco. Ancora ‘stese’, raid armati con spari in aria, nella notte nel capoluogo partenopeo. La lista delle segnalazioni è lunga. Si parte da quella delle 19 di ieri, in Vico Paradisiello, dove le forze dell’ordine troveranno un unico bossolo nei pressi dell’abitazione di un pregiudicato, ma non si esclude in questo caso, una lite. A mezzanotte ancora spari uditi in Corso Garibaldi, ma la volante intervenuta non trova elementi per confermare la segnalazione. Alle 2.30 persone armate a bordo di una moto in Via Speranzella, zona Quartieri Spagnoli, vengono notate da una pattuglia dell’Esercito e da un tassista.

Verso le 4 di notte, in Gradini San Nicola da Tolentino, ai Quartieri Spagnoli, in due hanno esploso almeno cinque colpi di pistola in aria. Alle 4.30 segnalazione di un raid in Via Antonio Villari, all’altezza dei giardini Sannicandro nel rione Sanità; la Scientifica rinviene 4 fori e un ogiva nel vetro della finestra e nel balconcino al piano terra dell’abitazione di un incensurato. Alle 5.30 nuova segnalazione in Vico Lammatari, sempre alla Sanità, con numerosi bossoli di diverso calibro (9×21 e 7.65) sequestrati dalla Scientifica. Sui raid indaga la polizia.