Non uno, ma due raid. Con tre persone coinvolte. Quelle che gli inquirenti stanno cercando senza tregua, dopo i due, appunto, non uno, agguati che hanno portato al Far-West nel cortile dell’ospedale Pellegrini di Napoli. Infatti, come riportano gli organi di stampa, non sarebbe stato Vincenzo Rossi il bersaglio dell’agguato avvenuto la notte tra giovedì e venerdì scorsi. Ma altre due persone legate al clan di Eduardo Saltalamacchia, in carcere da un paio di mesi.

Ma andiamo con ordine. Secondo le ultime informative, Vincenzo Rossi sarebbe stato ferito a via Toledo da un coetaneo (il primo ricercato) che milita sempre nel gruppo dei Saltalamacchia (pur essendo anche vicino al clan Cimmino dell’Arenella), per vendicare un precedente conto rimasto in sospeso. Il 22enne viene portato, così, presso il nosocomio della Pignasecca, proprio pochi attimi prima dell’arrivo del secondo killer, quello con il casco integrale in testa, che si trova lì per uccidere altri due uomini, anche loro legati a Saltalamacchia. Una missione di morte che dovrebbe inquadrarsi nella faida con il gruppo di Antonio Esposito (scarcerato da alcuni mesi e ritenuto vicino ai Mariano).

 

Complice l’arrivo del ferito, l’uomo armato, che fonti di polizia danno per già identificato, perde la testa e comincia a sparare nel mucchio ad altezza uomo, mentre i due reali bersagli si danno alla fuga. Scelta che compie lo stesso killer, a bordo della moto guidata dal terzo ricercato.