Due metri cubi di scarti di lavorazione, tra amianto e cemento, sono stati scoperti e sequestrati a Capri dai carabinieri nel corso di un sopralluogo effettuato nel cantiere edile di un’abitazione privata. Denunciata per la violazione delle norme relative al corretto smaltimento dei rifiuti speciali una 46enne del Kazakistan, amministratrice della ditta esecutrice dei lavori che ha sede sull’isola.