Nelle foto la voragine che si è aperta nel parcheggio dell'Ospedale del Mare l'otto gennaio del 2021

Avviso di garanzia per tecnici e imprenditori che hanno avuto un ruolo nella realizzazione del parcheggio

Risultano 21 nomi iscritti (quelli di tecnici e imprenditore) nel registro degli indagati, da parte della Procura di Napoli, per la voragine che lo scorso 8 gennaio si è aperta nel parcheggio dell’Ospedale del Mare, a Ponticelli. Si tratta di un atto dovuto, e al momento non si contestano responsabilità alle persone indagate. Il crollo avvenne intorno alle 6,30 e proprio per questo motivo non provocò vittime. L’iscrizione nel registro degli indagati, tra i quali figura anche il collaudatore e chiunque abbia avuto un ruolo nella realizzazione del parcheggio, viene definito dagli inquirenti un atto dovuto finalizzato a consentire lo sgombero delle macerie.

I NOMI DEGLI INDAGATI

Per le persone raggiunte da avviso di garanzia, l’ipotesi di reato di crollo colposo. Domani, verrà conferito l’incarico ai consulenti della Procura a cui è stato affidato il compito di fare luce sull’accaduto. Tra gli indagati, Carmine Mascolo (progettista strutturale); Biagio De Risi (altro progettista strutturale); il direttore dei lavori, Matteo Gregoriani; Antonio Bruno (altro direttore dei lavori); Edoardo Cosenza (collaudatore); addetti e rappresentanti delle ditte che hanno provveduto ad appalto e subappalto del parcheggio, vale a dire Castaldi, Coppola, Gilardi e Giustino, Osmar e Consorzio media.

ad
Riproduzione Riservata