Il terremoto? Ha fatto danni non solo materiali ma anche economici, nonostante i «guru della comunicazione» andassero in giro a dire che era tutto rientrato. Ecco i numeri: meno 63,15% di presenze (-51.31 di stranieri e – 66.58 di italiani) alberghiere nel Comune di Casamicciola sull’isola d’Ischia, nel mese di settembre.

NUMERI NEGATIVI A CASAMICCIOLA
PER IL TURISMO POST TERREMOTO

I dati sono dell’ufficio statistiche dell’Aacst – Azienda autonoma di cura, soggiorno e turismo di Ischia e Procida – che ha registrato le presenze alberghiere nel 2017 e le ha comparate con quelle del 2016. Che tali dati siano la risultanza del terremoto del 21 agosto appare evidente anche dai dati in negativo di agosto. Dove si registra un complessivo -32.56% (-20.46 di stranieri e -33.75 di italiani) a fronte di dati positivi +8.37 a giugno, +30.45 a maggio e +65.02 aprile.

Il porto di Casamicciola a Ischia
Il porto di Casamicciola a Ischia

Calo del 50.97% (-38,20 di stranieri e -56,42 di italiani) il dato negativo di settembre nel Comune di Lacco Ameno. L’altro comune dell’isola che ha registrato danni dal terremoto dello scorso agosto mese in cui ha registrato un -32.39% (-19.78 di stranieri e -34.71 di italiani).

ANCHE A LACCO AMENO
I DATI SONO NEGATIVI

Dati negativi che però – dall’analisi dei dati statistici dell’Aacst – hanno interessato Lacco Ameno anche prima del terremoto: -12.53% a luglio, -7.29% a giugno, -3.21% a maggio mentre c’è stato un +17.23% ad aprile.

Dati negativi post e pre terremoto invece nel Comune di Ischia dove il mese di settembre ha registrato un complessivo -21.65% (-12.40 di stranieri e -25.71 di italiani);  -19.84% ad agosto (-11.63 di stranieri e -21.30 di italiani); -4.88% a luglio (+6.30 di stranieri e -8.14 di italiani); -9.52% a giugno (-1.44 di stranieri e -12.28 di italiani); -10.95% a maggio (-12.43 di stranieri e -10.43 di italiani).

Dati positivi nel solo mese di aprile che si è chiuso con un +14.01% (+10.36 di stranieri e +14.77 di italiani); -23.53% il dato complessivo di presenze a marzo e -22.64% a febbraio.