L’agente è stato colpito alla testa

Ha chiesto a un gruppo di giovanissimi, che erano in gruppo, di allontanarsi, ma è stato aggredito con un colpo alla testa. E’ la denuncia di Michele Emiliano, sindaco di Crispano, piccolo Comune del Napoletano, che sul suo profilo Facebook ha raccontato quanto avvenuto ieri mattina in piazza Falcone e Borsellino dove “la solita banda di ragazzini che si sono assembrati per stare in piazza senza far nulla hanno aggredito uno dei nostri vigili che era intervenuto per sedare una rissa e per chiedergli di andare a casa“.

L’inciviltà più totale ha prodotto un vigile urbano con una testa sanguinante e il pericolo che – ha continuato il sindaco – potesse anche accadere di peggio. Ho chiesto in ogni modo di evitare che i ragazzi stessero per strada senza motivazione, di non farli uscire come se niente fosse accaduto, ma alcuni proprio non vogliono ascoltare e questi sono i risultati. La minoranza di incivili che rovina lo sforzo di tutta la comunità”.

ad

Emiliano ha poi assicurato: “Ovviamente saremo inflessibili, sono già intervenuti i carabinieri e speriamo di identificare i responsabili per sporgere formale denuncia a loro carico e anche nei confronti dei genitori che, venendo meno alla loro funzione educativa, espongono tutti al pericolo. I loro figli, la comunità e mettono così a rischio lo sforzo di tutti. Io non posso consentirlo, per questo continuiamo a fare controlli, non per divertimento ma per tutelare tutti voi“.

Il sindaco ha poi rivolto un invito: “Non possiamo vincerla da soli questa sfida, serve la collaborazione di tutti. Oggi la vittima dell’aggressione è stato un nostro vigile, domani potrebbe essere un cittadino qualsiasi. Crispano non si arrende di fronte all’inciviltà, alla maleducazione e a questa mentalità contro la legge e contro ogni regola. Intollerabile“.