rifiuti

E’ cominciato oggi, davanti alla quarta sezione della Corte di Appello, il processo di secondo grado per i presunti illeciti nel ciclo di smaltimento dei rifiuti in Campania. Gli imputati, nonostante i reati contestati, relativi a un arco di tempo che va dal 2000 al 2005, fossero gia’ prescritti, il 4 novembre 2013 furono tutti assolti con formula piena (tra essi anche l’ex presidente della Regione Campania Antonio Bassolino coinvolto nella sua qualita’ di Commissario straordinario per l’emergenza rifiuti e l’ex dirigente del gruppo Impregilo Pier Giorgio Romiti).

ad

Contro la sentenza di assoluzione ha presentato appello la procura con la richiesta che venga dichiarata la prescrizione, un epilogo che – in caso di accoglimento delle istanze della procura – avrebbe effetti solo sul piano civilistico per le imprese alle quali fu conferito l’appalto. Oggi in apertura di udienza i legali della difesa hanno chiesto alla Corte la dichiarazione di inammissibilita’ dell’appello della procura. I giudici hanno respinto tale richiesta e hanno rinviato il processo al 6 giugno prossimo, quando si terra’ la relazione da parte di uno dei giudici del collegio, mentre per l’11 giugno e’ fissata la requisitoria del sostituto procuratore generale Simona Di Monte.

Riproduzione Riservata