università vanvitelli

Il rettore Nicoletti si insedierà il primo novembre. Adesso è in quarantena domiciliare

Gianfranco Nicoletti, nuovo rettore dell’Università della Campania Luigi Vanvitelli – si insediera’ il primo novembre prossimo – e’ risultato positivo al Covid, ed e’ ora in quarantena nella sua abitazione.

Nicoletti ha scoperto di essere positivo mercoledi’ 13 ottobre, dopo essersi sottoposto al tampone in quanto era venuto in contatto con un soggetto contagiato. “Ho avuto qualche linea di febbre, fino a 38, per un giorno e mezzo – spiega Nicoletti – e anche dolori addominali e muscolari, ma ora sto bene, e alla fine di questa settimana mi sottoporro’ al secondo tampone, che spero dia esito negativo. Ci tengo a sottolineare come il decorso della malattia si stia evolvendo regolarmente. E cio’ mi induce a sottolineare come sia importante, specie in questo momento, indossare la mascherina, ovvero cercare di prevenire la diffusione del contagio; anch’io l’ho indossata sempre, all’Universita’ abbiamo predisposto tutte le miuasure di prevenzione, ma purtroppo il virus non mi ha risparmiato; ora pero’ la fase un po’ piu’ preoccupante e’ passata, e ho avuto un netto miglioramento”.

ad

L’insediamento ufficiale al timone dell’Ateneo Lugi Vanvitelli e’ atteso tra dodici giorni. “Spero di arrivarci in piena forma, ma per ora non la mia preoccupazione principale. La cosa importante e’ guarire del tutto”. Con la positivita’ di Nicoletti, altre persone con cui il neo-rettore aveva avuto contatto, sono state messe in isolamento. Ieri intanto, il report dell’Asl di Caserta ha attestato 166 contagi in piu’ rispetto al giorno precedente, con i positivi attuali che sono 2408, e un ulteriore decesso (61 da inizio pandemia); situazione attenzionata nel ocmune di Marcianise, dove ieri si e’ toccato il record di 179 persone positive, e in una residenza per anziani di Valle di Maddaloni, dove 14 persone – 11 ospiti e tre operatori socio.sanitari- sono risultati contagiati. Nelle scuole casertane sonoinvece 200 i soggetti positivi, tra studenti, docenti e personale amministrativo.