14 casi a Ercolano

Da giugno i casi in regione sono aumentati in maniera molto preoccupante.

Per la prima volta dalla fine del lockdown crescono i casi di contagio da Covid-19 in Campania. Come riporta un articolo del ‘Mattino’, infatti, nel mese di giugno i casi erano 115, mentre a ieri, 27 luglio, si è passato a quota 236. Insomma, in un mese, i contagi sono più che raddoppiati. Compresi i 14 registrati ieri, che fanno lievitare il numero degli attualmente positivi a 365, quasi il triplo dei 125 del 20 giugno.

E sebbene siamo ancora molto lontani dall’occupazione del 75% dei posti di rianimazione attivi che farebbe scattare il passaggio dalla attuale Fase A (a bassa incidenza epidemica) alla B, di recrudescenza, temuta per l’autunno, va registrato il superamento del valore 1 dell’indice di infettività del virus in Campania (che misura la capacità del Covid di diffondersi, raddoppiando i casi, nell’arco di 7 giorni).

ad

Continuano, inoltre, a crescere, in numero e dimensione, i focolai: dopo quelli di comunità, a prevalente componente straniera, (Mondragone, Scampia e ora Villa Literno) ne emergono altri (Capri, Pisciotta e Cilento), meno omogenei e più difficili da circoscrivere. Legati, come afferma Rodolfo Conenna, direttore sanitario dell’azienda dei Colli (Cotugno, Cto, Monaldi), “agli spostamenti turistici e ai comportamenti sociali tipici del periodo estivo, collegati alle numerose occasioni di incontro di questo periodo di intensa socialità sebbene vissuta all’aria aperta”.

Riproduzione Riservata