Analisi Cerved, Campania tra le regioni a maggiore rischio

Sono circa 9.000 i ristoranti resi vulnerabili alle infiltrazioni criminali a causa delle restrizioni dovute alla pandemia da Covid-19. Il dato si aggiunge ad altre 6.000 attività che già prima del lockdown erano molto fragili finanziariamente: in tutto 15.000 imprese della ristorazione, quasi la metà delle 33.000 che operano come società di capitale.

È quanto emerge da una analisi di Cerved che ha recentemente acquisito Hawk, società specializzata in soluzioni modulari per soddisfare tutti i requisiti previsti dalla normativa italiana. La combinazione dei dati e delle conoscenze di Hawk e di Cerved ha permesso di mappare i ristoranti che potrebbero avere maggiori problemi di liquidità ed essere dunque più facile preda di usurai e di organizzazioni dedite al riciclaggio di denaro sporco. In cifra assoluta i ristoranti oggi a rischio si trovano soprattutto nel Lazio (2.116), in Lombardia (1.370) e in Campania (1.098), mentre in percentuale le regioni più colpite sono Calabria (40%) e Sicilia (38%), dove maggiori sono le infiltrazioni della criminalità organizzata. La percentuale di mancati pagamenti nel comparto, infatti, ha raggiunto il 73% contro il 45% di media (nel picco di maggio) del resto delle Pmi, e secondo le stime i ricavi subiranno un crollo del 56%.

ad

L’emergenza da Covid19 ha introdotto «nuovi rischi di riciclaggio e ne ha accentuati altri già presenti», spiega Andrea Mignanelli, amministratore delegato di Cerved. «La crisi economica seguita alla pandemia -aggiunge – rappresenta infatti un terreno fertile per la criminalità, che grazie all’ampia disponibilità di denaro contante derivato da attività illegali può acquisire facilmente la proprietà o il controllo di società in difficoltà finanziaria».

Riproduzione Riservata