giovedì, Luglio 7, 2022
HomeInchieste e storia della camorra«Così decidemmo di rompere la tregua contro la Nco di Raffaele Cutolo»

«Così decidemmo di rompere la tregua contro la Nco di Raffaele Cutolo»

LA STORIA DELLA CAMORRA Le dichiarazioni del collaboratore di giustizia Umberto Ammaturo  

«Decidemmo di rompere l’armistizio con i cutoliani, durante una riunione in penisola sorrentina, a Nerano, per la precisione. Era il 1981». A parlare è Umberto Ammaturo, ex boss del narcotraffico, nel corso di una udienza del processo Gava, svoltasi a marzo del 1997. «Ho conosciuto Carmine Alfieri – spiega il collaboratore di giustizia – nei primi anni Settanta. Lo rividi nel 1981, quando tornai a Fuorigrotta, nel mio appartamento di Via Tiberio, dopo aver lasciato, grazie a una licenza, l’Opg di Barcellona Pozzo di Gotto, dove ero detenuto da 5 anni. All’epoca fingevo di essere pazzo. Io mi trovavo in compagnia di uomini del mio clan, e vennero a trovarmi a casa, Alfieri, Antonio Malventi (uomo di fiducia di Alfieri, ndr) e Franco Matrone (boss di Scafati, ndr). Nell’occasione bevemmo champagne e parlammo del più e del meno». Si trattò di una sorta di «visita di cortesia», a cui sarebbe seguito un summit in penisola sorrentina. Di lì a qualche settimana, racconta Ammaturo, «ci ritrovammo io, Alfieri, Malventi, Antonio Bardellino, e gli uomini dei nostri clan, a Nerano, per concordare una azione militare contro la Nuova camorra organizzata».

Leggi anche / Fuorigrotta, il quartiere tranquillo dove regnavano i boss

Nei fatti si trattò di una strategia che il cartello di cosche attua «sotto copertura» («mettemmo una bomba contro Cutolo», tiene a sottolineare l’ex boss di camorra); una strategia finalizzata a provocare la reazione di Raffaele Cutolo e della Nco. «Non dovevano sapere che eravamo stati noi, perché in quel periodo era in atto una tregua con i cutoliani, precedentemente stabilita a Marano, e voluta dal clan Nuvoletta. Non potevamo passare per quelli che avevano rotto l’armistizio, e pertanto agimmo segretamente, in anonimato», precisa il pentito. Quella di rompere il «patto di non aggressione», puntualizza Ammaturo, fu una proposta di Antonio Bardellino, «che era vicino ai maranesi; apertamente aveva dovuto appoggiare quanto deciso nel corso della riunione dai Nuvoletta, ma a Nerano fu il promotore principale della strategia di attacco ai cutoliani».

Leggi anche...

- Advertisement -