Una informativa dei carabinieri è stata inviata alla Dda di Napoli. Nei riquadri il ras Pasquale Cristiano e un frame del video del corteo (foto Il Roma)

L’informativa dei carabinieri inviata alla Procura Antimafia partenopea, Pasquale Cristiano (che usufruiva di un permesso per partecipare alla prima comunione del figlio) sarebbe stato alla guida di una delle auto

Una informativa dei militari dell’Arma è stata inviata alla Dda napoletana; il resoconto dei carabinieri servirà a fare luce su quanto avvenuto nei giorni scorsi ad Arzano, dove in occasione della prima comunione del figlio di un ras del clan Amato-Pagano, Pasquale Cristiano, si è assistito a una sfilata di Ferrari e Lamborghini, che ha letteralmente paralizzato il traffico.

Chiaro il messaggio di ostentazione di potenza camorristica, secondo quanto hanno dichiarato, intervenendo sulla vicenda, il senatore Sandro Ruotolo ed il presidente del Pd metropolitano di Napoli, Paolo Mancuso. I riflettori dell’Antimafia sono adesso puntati proprio su Cristiano, che stando a quanto riferito dai due politici,  ha usufruito di un permesso per lasciare gli arresti domiciliari, e partecipare alla cerimonia. Egli stesso avrebbe guidato una Ferrari. Alla guida di un’altra auto di lusso in corteo ci sarebbe stato un esponente della malavita. Le indagini dei carabinieri mirano a chiarire tutti gli aspetti della vicenda, che, nei fatti, continua a innescare polemiche.

ad
Riproduzione Riservata