Il governatore della Campania, Vincenzo De Luca

di Giancarlo Tommasone

Il primo anno saranno 900 euro al mese, il secondo lo stipendio (rimborso) da versare ai tirocinanti salirà a 1.100 euro. Il governatore della Campania Vincenzo De Luca ci crede e mette a punto il progetto che si pone come obiettivo, principalmente il ricambio generazionale, in vista di prossimi pensionamenti. I giovani arruolabili, diplomati e laureati, si attestano sulle 50mila unità e saranno scelti tramite corsi e concorsi pubblici. Le forze fresche serviranno a svecchiare gli organici negli enti locali.

ad

Sembra una progetto degno del reddito di cittadinanza tanto pubblicizzato dai grillini prima delle elezioni. L’ennesima mossa alla M5S del presidente della Regione. Anche se a conti fatti chi parteciperà alla formazione sarà meglio remunerato.

I grillini infatti, hanno previsto che per una famiglia di tre persone, con genitori disoccupati a reddito zero e figlio maggiorenne a carico, il reddito di cittadinanza sarà di 1.560 euro complessivi al mese, fanno 520 euro a testa. Ma, tornando al piano di De Luca, da dove si reperiranno le risorse economiche per far fronte a una tale manovra? La Regione tramite un corso-concorso pubblico selezionerà i diplomati e i laureati da avviare alla formazione professionale.

Luigi Di Maio a “Porta a Porta”

Questa fase, il secondo step, sarà finanziata dall’Ente di Palazzo Santa Lucia. O meglio dai fondi europei e di bilancio. Ok, va bene le nuove energie lavoreranno, se tutto va bene, per due anni e poi? Cosa faranno una volta finiti i corsi di formazione? A questo punto De Luca sottolinea che ci sarà bisogno dell’impegno dei Comuni che dovranno assumere i tirocinanti, una volta che saranno formati.

Il piano di De Luca è teso alla modernizzazione a 360 gradi, un passaggio di consegne anche tecnologico. A pensarci bene chi andrà in pensione nel prossimo futuro, magari è entrato in servizio in un periodo in cui, ad esempio, un pc era uno strumento per niente diffuso.

Si tratterà quindi di riqualificare le competenze, anche per venire incontro alle esigenze del servizio da rendere al pubblico. Già in teoria, il progetto di De Luca appare di non facilissima attuazione, nei fatti dovrebbe essere ulteriormente complicato. E c’è poi da aggiungere un fattore che bisogna tenere in considerazione: le aspettative sociali che un piano del genere comporta. E qui ci riallacciamo al reddito di cittadinanza promesso dal M5S e che finora ha fatto registrare già un grande successo: quello della affermazione dei grillini alle scorse elezioni politiche.

De Luca Sanita
Il governatore Vincenzo De Luca

Singolare – con tutte le differenze del caso – che ancora una volta, il governatore sembri seguire il modus operandi del Movimento. Ultimamente lo aveva fatto anche attuando la rivoluzione della comunicazione social a Palazzo Santa Lucia.

Il super-dirigente dell’area comunicazione multimediale di Palazzo Santa Lucia, Mario De Rosa

Ironia della sorte, ad aggiudicarsi la gara indetta dalla Regione era stata, tramite la sua azienda, la DeRev, proprio una vecchia conoscenza del partito fondato da Beppe Grillo: il salernitano di Vallo della Lucania, Roberto Esposito. L’esperto di comunicazione, per molti mesi, aveva seguito Di Maio quando quest’ultimo era vicepresidente della Camera.