Le unità potrebbero essere attrezzate per il ricovero dei contagiati da coronavirus e contenere il rischio di altri casi

Spunta anche l’idea di utilizzare navi ospedali per far fronte al contagio da coronavirus. La notizia è rimbalzata alcuni giorni fa, con la possibilità caldeggiata dal web magazine Analisi Difesa, nell’articolo a firma di Pietro Orizio. Si tratta dell’eventualità dell’utilizzo di navi ospedali, in prestito dalla Marina degli Stati Uniti (che ne ha due da mille posti letto ognuna), o attrezzando all’uopo navi da crociera, traghetti o unità militari. Si tratterebbe di una soluzione più rapida rispetto alla realizzazione di ospedali, visti i tempi lunghi che necessiterebbero per la costruzione delle strutture.