Il governatore campano sulla cosiddetta fase 2.

“Si sta ragionando sulla fase due. E’ del tutto evidente che siamo chiamati a fare un altro sacrificio di due settimane, è difficile per tutti ma rischiamo di perdere tutto per una impazienza che sarebbe ingiustificata”. Lo ha detto il governatore della Campania, Vincenzo De Luca, in diretta streaming.

De Luca spiega che la ripresa non ci sarà quando si avrà la certezza di aver risolto il contagio ma “quando si avrà la certezza che è stato contenuto il contagio cioè è stato bloccato il percorso di crescita delle infezioni, contiamo di a bloccato il percorso di crescita delle infezioni contiamo di arrivare a questo risultato tra fine aprile e inizio maggio”.

ad

Poi chiama in causa la ripresa delle attività economiche: “Già a fine mese ad esempio pensiamo all’edilizia che comporta attività lavorativa all’aperto, potremo dare respiro alle attività di manutenzione delle strutture balneari”. E poi ci sono “attività alimentari, di produzione di cibo preconfezionato da consegnare a domicilio, alla fine del mese potremo cominciare a far ripartire queste attività”.