Manifestazioni dei detenuti nelle case circondariali di Fuorni e a Napoli contro la soppressione delle visite.

di Luigi Nicolosi.

Colloqui vietati per arginare il rischio di contagio da Coronavirus, scoppia la rivolta nei penitenziari campani. Due i principali fronti di protesta registrati nella giornata di oggi: a Poggioreale i detenuti si sono rifiutati di entrare nelle celle “occupando” le aree di passeggio; situazione ben più drammatica a Salerno, dove un intero piano dell’istituto è stato gravemente danneggiato.

ad

A Poggioreale, appena appresa la notizia della sospensione dei colloqui, intorno alle 15 i detenuti del terzo piano, il reparto “Livorno”, circa un centinaio, hanno iniziato a protestare dichiarando che non rientreranno nelle celle alle 18,30 e sostenendo come motivo il fatto che, mentre i loro familiari non possono accedere, gli agenti, gli infermieri e gli altri operatori entrano ed escono dall’istituto. Più grave, invece, la situazione a Salerno, scoppiata sempre nel primo pomeriggio di oggi dopo l’annuncio della sospensione e dove si trovano adesso all’esterno della struttura anche carabinieri (con un elicottero) e polizia di Stato. Notizie appena pervenute danno per quasi integralmente devastato il carcere di Salerno, con parecchi locali dati alle fiamme dai detenuti. All’esterno del carcere sono appena arrivati il Prefetto, il Questore e il Comandante provinciale dei Carabinieri. Si attende da un momento all’altro che sia disposta l’irruzione del Personale all’interno, con probabile successivo sfollamento dei reclusi.

Situazione al momento sotto controllo nella casa di reclusione di Secondigliano, dove stamattina si è registrata una protesta non violenta da parte dei detenuti. Stando a quanto appreso da “Stylo24”, domani i familiari dei ristretti dovrebbero inscenare un sit-in all’esterno del carcere per far sentire la propria voce e invocare maggiori controlli e sicurezza per i propri cari: evidente il riferimento e i timori a un eventuale propagarsi del Covid-19 all’interno dell’istituto.

Riproduzione Riservata