domenica, Luglio 3, 2022
HomeNotizie di CronacaControlli a Napoli e in provincia: denunce, sequestri e arresti

Controlli a Napoli e in provincia: denunce, sequestri e arresti

Prosegue l’attività delle forze dell’ordine nell’area partenopea.

Continuano i controlli delle forze dell’ordine nell’area di Napoli e provincia. I Carabinieri della compagnia Napoli centro e il nucleo veicoli abbandonati della Polizia Municipale hanno fatto rimuovere 95 mezzi, 65 ciclomotori e 30 auto, abbandonati in zona Concordia, che, oltre a essere senza assicurazione o rubati, intralciavano il traffico cittadino. Un servizio che proseguirà nei prossimi giorni anche in altre zone della città.

I carabinieri della stazione di Frattaminore hanno fermato due volte nella stessa notte, durante l’orario del coprifuoco, un 34enne di Cardito e lo hanno arrestato. Nella Domenico Garbato, già denunciato in passato. L’uomo aveva con sé un martello e due crick, che sono stati sequestrati. Ma, invece di tornare a casa, i militari lo hanno ritrovato in via Massimo Stanzione, mentre tentava di smontare la marmitta da un’auto in sosta e lo hanno arrestato. Ora si trova ai domiciliari in attesa del processo.

Ulteriori controlli dei carabinieri del comando provinciale di Napoli sono stati effettuati ad Arzano, insieme ai militari del reggimento Campania: 90 le persone identificate e 65 i veicoli controllati. Durante una delle perquisizioni domiciliari, è finito in manette un 65enne del posto, già noto alle forze dell’ordine, sorpreso in auto per la città nonostante il divieto di uscire dalla propria abitazione, in quanto sottoposto alla detenzione domiciliare. E’ stato arrestato e si trova in attesa di giudizio.

Le verifiche effettuate in questi giorni hanno consentito anche di scoprire come un 46enne di Torre del Greco abbia percepito dal maggio 2019 il reddito di cittadinanza senza averne diritto. Nei suoi confronti è stato emesso un decreto di sequestro d’urgenza per 15mila 620 euro dalla Procura di Torre Annunziata, dopo le indagini della Guardia di Finanza. L’accusa nei suoi confronti è quella di truffa aggravata, in quanto, al momento della presentazione della richiesta per il beneficio, aveva omesso di essere proprietario di un motoveicolo.

Leggi anche...

- Advertisement -