Un sequestro di sigarette di contrabbando

Negli ultimi anni sono aumentati in maniera esponenziale i sequestri di sigarette di contrabbando. Un volume di affari vertiginoso che è gestito dalle organizzazioni malavitose. Dopo lo stop del traffico illecito, alla fine degli anni Novanta, l’attività illecita è tornata ormai a livelli preoccupanti, sia a Napoli che nella sua provincia. I controlli sono stati potenziati e portano a sequestri quasi quotidiani.

ad

Due quintali di sigarette di contrabbando sono finite «sotto chiave» a Marano, in seguito a una operazione della guardia di finanza. Ad insospettire i finanzieri del gruppo di Nola, un’autovettura che si stava dirigendo verso la zona periferica di Marano per poi introdursi in un box auto interrato.

Le operazioni di controllo effettuate sul mezzo ed all’interno del locale hanno consentito di sequestrare complessivamente 200 chili di sigarette; le «bionde» erano naturalmente prive del contrassegno del Monopolio di Stato, pronte per essere smistati per la vendita. Per il contrabbandiere, sorpreso in flagranza, sono stati disposti gli arresti domiciliari.