Il capitano Ultimo
Il capitano Ultimo

Una «autonoma decisione» di rientrare nell’Arma, per evitare «strumentalizzazioni sul nostro operato, sempre corretto» e tutelare sia i Servizi che i Carabinieri, dopo le «insinuazioni e le manipolazioni della realtà» fatte dai media (leggi). Così il capitano Ultimo spiega la sua uscita dai Servizi segreti, insieme ad un gruppo di militari dell’Arma.

Il capitano Ultimo
Il capitano Ultimo

«A seguito di reiterate e diffuse insinuazioni e manipolazioni della realtà apparse su diversi organi di stampa, abbiamo consapevolmente deciso di rientrare nell’Arma – afferma Ultimo, parlando anche a nome dei suoi colleghi – al fine di evitare strumentalizzazioni sul nostro operato, sempre corretto, da parte di chiunque, per tutelare l’integrità dell’ Aise nella sua interezza e per l’amore che ci lega all’Arma dei Carabinieri».

ad

«Da questo momento – aggiunge – diamo mandato ai nostri legali di affrontare le strumentalizzazioni e le insinuazioni che vengono diffuse, nelle sedi più opportune».

Riproduzione Riservata