La sede del Consiglio regionale della Campania

Centro direzionale, il procedimento

Cominceranno a partire da oggi le raccomandate per il recupero del trattamento accessorio,  per il 2016, 2017, 2018, 2019 e indirizzate ai dipendenti del Consiglio regionale della Campania. La restituzione, da documenti di cui Stylo24 è riuscito a prendere visione e in base a calcoli rispetto alle annualità, dovrebbe attestarsi, in media, su una cifra di circa 10mila euro per i semplici dipendenti, a decine di migliaia di euro per i dirigenti.

I documenti
di cui ha preso
visione Stylo24

«Non sembrano esistere le condizioni per proporre l’impugnazione volta a ottenere una eventuale pronuncia che escluda l’obbligatorietà dell’azione di recupero nei confronti dei percettori degli emolumenti accessori, alla luce dell’abrogazione con legge regionale n. 6/2019 di disposizioni dichiarate incostituzionali con sentenza della Corte Costituzionale n. 146/2019», conclude l’Avvocatura regionale della Campania. Si tratta di somme «indebitamente erogate» nel corso degli ultimi quattro anni. Il procedimento di recupero, è specificato nei documenti che abbiamo potuto consultare, è conseguente alla decisione della Corte dei Conti (Sezione regionale di controllo della Campania) numero 172 del 30 luglio 2019.

ad

La decisione
della Corte dei Conti

Decisione che testualmente stabilisce: «La Corte dei conti, Sezione regionale di controllo per la Campania, sentite la Regione e le richieste del Pubblico Ministero, riassunto il giudizio a valle della sentenza n. 146/2019 che ha accolto la questione di costituzionalità sollevata dalla Sezione sull’erogazione illegittima di emolumenti accessori ad alcune categorie di personale del Consiglio regionale, non parifica le poste di trasferimento fondi al Consiglio, nella misura della spesa di secondo livello effettuata verso tale personale. La decisione in estrema sintesi: ribadisce la sindacabilità della spesa degli enti strumentali in sede di parifica». In base a ciò, sono stati avviati i procedimenti per il recupero delle somme (relative al trattamento accessorio) indebitamente erogate ai dipendenti.

Riproduzione Riservata