sabato, Maggio 21, 2022
HomeNotizie di PoliticaI Verdi cacciati da Giggino, ora potrebbero battere cassa in Regione

I Verdi cacciati da Giggino, ora potrebbero battere cassa in Regione

TI OFFRIAMO INFORMAZIONE GRATUITA, RICAMBIA CON UN GESTO DI CORTESIA: CLICCA QUI E LASCIA UN LIKE SULLA PAGINA FACEBOOK DI STYLO24.IT

di Giancarlo Tommasone

La prima delle due a cadere è stata Maria D’Ambrosio. L’ormai ex assessore dei Verdi è stata praticamente licenziata ieri, di domenica. Avvertita direttamente, nel caso in cui non lo avesse ancora capito da sé, dal sindaco Luigi de Magistris durante una riunione svoltasi a partire da mezzogiorno a Palazzo San Giacomo.

Una mossa, quella dell’«epurazione»
dei Verdi dalla Giunta, che potrebbe avere ripercussioni anche sugli equilibri
di Palazzo Santa Lucia

Perché si tratterebbe, come si sussurra da tempo in ambienti comunali e come è ampiamente intuibile, di una questione di «fedeltà e di affidabilità» in vista delle prossime regionali.

Il primo cittadino ha scelto dunque di blindarsi con la sinistra e in particolar modo con i centri sociali (i nomi che si fanno con più insistenza per gli assessori in entrata, sono quelli di Laura Marmorale e di Monica Buonanno) dopo aver tastato per un lungo periodo il terreno e aver avuto conferme circa la vicinanza di D’Ambrosio al presidente della Regione, Vincenzo De Luca. Va da sé che per l’ex delegata al Verde e alla Qualità della vita, entrata in squadra a maggio del 2017 insieme ad Alessandra Sardu (altra destinata a cedere il posto), non si sono aperte strade diverse da quella del «siluramento». Nel frattempo, però, i Verdi usciti dalla Giunta di Palazzo San Giacomo, si trovano in maggioranza a Palazzo Santa Lucia, ma senza assessore.

Proprio in virtù della fedeltà espressa, i Verdi
potrebbero chiedere un riconoscimento a Vincenzo De Luca

«Ora il presidente De Luca dovrà avere un occhio di riguardo con noi Verdi (leggi pure concedere un assessorato, ndr), perché siamo stati coerenti con la nostra impostazione e abbiamo deciso di prediligere l’alleanza con il governatore a scapito di quella con il sindaco», dichiara a Stylo24, un esponente della prima ora degli ambientalisti.

TI OFFRIAMO INFORMAZIONE GRATUITA, RICAMBIA CON UN GESTO DI CORTESIA: CLICCA QUI E LASCIA UN LIKE SULLA PAGINA FACEBOOK DI STYLO24.IT

Leggi anche...

- Advertisement -