lunedì, Gennaio 30, 2023
HomeNotizie di SocietàCodice rosso: a Napoli informazioni e aggiornamenti legislativi sulla violenza di genere

Codice rosso: a Napoli informazioni e aggiornamenti legislativi sulla violenza di genere

L’avvocato Michele Riggi, intervenuto al convegno presso la Federico II: la prevenzione è il primo alleato, è necessario intervenire culturalmente.

Si è tenuto lunedì 24 febbraio a Napoli il convegno tecnico “Codice rosso, informazioni e aggiornamenti legislativi sulla violenza di genere”, sull’analisi del testo della legge 69/2019, nota con il nome di Codice rosso. All’evento, tenutosi presso l’edificio centrale dell’Università degli Studi di Napoli, Federico II, nell’aula De Sanctis, erano presenti il presidente delle Acli Provinciali di Napoli, Maurizio D’Ago, la responsabile del Coordinamento donne delle Acli di Napoli, Ilaria Somma, il console generale della Repubblica di Tunisia a Napoli, Beya Ben Abdelbaki Fraoua, Monsignor Luigi Castiello, collaboratore diocesano per la Pastorale della salute dell’Arcidiocesi di Napoli.

Ad animare la discussione, gli interventi di Raffaele Tufano, sostituto Procuratore della Repubblica, Fulvia Abbondante, Diritto Pubblico comparato presso la facoltà di Giurisprudenza della Federico II di Napoli, Pasquale Gallifuoco, responsbaile della cultura delle Acli di Napoli, Gabriella Bellini, della Commissione pari opportunità del Consiglio dell’Ordine dei Giornalisti di Napoli, Michele Riggi, commissione diritto penale e procedura penale, Carlo Amirante, ordinario di Diritto Costituzionale e Dottrina dello Stato – Presidente dell’associazione A.N.P.P.I.A., Renata Brutto Barone, dirigente di Direzione Sanitaria ASL NA1 Centro, Annarita Scaraglia, responsabile del Centro per la Famiglia “Ebes”. Le conclusioni sono state affidate a Valeria Valente, presidente della Commissione parlamentare permanente d’inchiesta sul femminicidio, nonché su ogni forma di violenza di genere. A moderare il giornalista Nicola Rivieccio.

Michele Riggi, avvocato penalista

“Il punto su cui tutti abbiamo convenuto – dice a Stylo24 l’avvocato Michele Riggi è che la prevenzione è fondamentale. Molto più di un uso propagandistico del diritto penale, cosa che il codice rosso, anche a fronte dei già esistenti 12mila titoli di reato nel nostro ordinamento, fa. Si è ritenuto opportuno crearne uno ad hoc, ma la verità è che bisogna far comprendere alle giovani generazioni che un atto di violenza non può essere immaginabile né contemplato. Si deve intervenire prima di tutto dal punto di vista culturale. Anche grazie all’aiuto della scuola, delle parrocchie, delle famiglie”.

Articoli Correlati

- Advertisement -