TI OFFRIAMO INFORMAZIONE GRATUITA, RICAMBIA CON UN GESTO DI CORTESIA:
CLICCA QUI E LASCIA UN LIKE SULLA PAGINA FACEBOOK DI STYLO24.IT

Doveva essere ascoltato riguardo la compravendita di alcuni giocatori ma l’imminenza di un altro procedimento giudiziario “per direttissima”, dove comparivano dei detenuti, ha spinto il giudice a interrompere l’udienza per rinviarla a fine giugno: tappa napoletana, oggi, per il presidente della Lazio e della Salernitana Claudio Lotito, nell’ambito del processo che coinvolge la Gea e il procuratore Alessandro Moggi, figlio di Luciano Moggi. Il presidente della Lazio, accompagnato dalla sua scorta (assegnata per le minacce ricevute tempo da dagli ultra’, ndr), e dal suo avvocato, Gianmichele Gentile, non ha avuto la possibilita’ di illustrare al giudice la vicenda. I primi a conferire sono stati i rappresentanti del Catania e del Cesena.

 

Quando e’ stato il momento di ascoltare il delegato della Viterbese, il giudice ha deciso di rinviare e, quindi, non e’ stato possibile ascoltare quest’ultimo, il presidente Lotito e il delegato del Milan. L’iter giudiziario coinvolge molti club di calcio, in sostanza tutti quelli con i quali ha lavorato la Gea e il procuratore Alessandro Moggi.

 

TI OFFRIAMO INFORMAZIONE GRATUITA, RICAMBIA CON UN GESTO DI CORTESIA:
CLICCA QUI E LASCIA UN LIKE SULLA PAGINA FACEBOOK DI STYLO24.IT