La firma del clan Sibillo sulle mura della città

Sale la tensione tra i vicoli, tutto è cominciato con la cancellazione della scritta inneggiante ai Sibillo in Piazza San Gaetano

Un segno tangibile che i Mazzarella fossero tornati a riconquistare posizioni sullo scacchiere criminale cittadino, si è avuto quando la scritta inneggiante ai Sibillo, che campeggiava in Piazza San Gaetano, è stata cancellata. Un sintomo importante che ha testimoniato come il gruppo originario dell’area orientale stesse pian piano rioccupando tutti gli spazi perduti in mesi di lotta contro le fazioni avverse. Secondo riscontri investigativi, partendo da Forcella, passando a San Giovanni a Teduccio, alle Case Nuove, al Vasto, e poi di nuovo nell’area Est, i Mazzarella sono tornati a controllare saldamente le zone. Tutto ciò approfittando della debolezza dei clan rivali, come i Giuliano, o i Rinaldi, che anche a causa dell’offensiva della magistratura, sono stati costretti a segnare il passo. La situazione dello scacchiere camorristico al centro storico e nell’area Est, è riportato dal quotidiano Il Roma, nell’articolo a firma di Luigi Sannino.