Il boss del quartiere Vasto-Arenaccia, Edoardo Contini
Il boss del quartiere Vasto-Arenaccia, fondatore dell'omonimo clan, Edoardo Contini

Il traffico con l’Olanda di soldi falsi e droga nascosti nei carichi di piante e fiori. Le spedizioni dirette a una famiglia calabrese

Il clan Contini, che compone la confederazione malavitosa del cartello dell’Alleanza di Secondigliano, secondo quanto emerge dall’ultima relazione semestrale della Dia, avrebbe organizzato un traffico di banconote false e di stupefacenti con l’Olanda. Droga e soldi viaggiavano, stando a quanto riscontrato dagli inquirenti, all’interno di carichi di piante e fiori.

Leggi anche / Clan Contini, la partita
di soldi contraffatti «colorati» a metà

La gestione dell’affare illecito era condotta dalla famiglia Commisso di Siderno (provincia di Reggio Calabria), nucleo legato alla ’Ndrangheta. Dalla relazione si evince pure, che i Contini, organizzazione del Vasto-Arenaccia, nel corso della sua storia non sia mai stata interessata da scissioni. Il resoconto del rapporto semestrale della Dia è riportato dal quotidiano Il Roma, nell’articolo a firma di Luigi Sannino.

ad