Fuori lo scienziato da Citta’ della Scienza e dentro il politico amico, buono per tirare la volata al governatore alle prossime regionali. Accade anche questo nel regno di Vincenzo De Luca. Ovvero che in luogo dell’uscente Vittorio Silvestrini, ricercatore e scienziato di chiara fama, che del polo di Bagnoli e’ stato ideatore e fondatore, il governatore della Campania nomini Riccardo Villari”.

ad

E’ quanto denuncia la consigliera regionale del movimento 5 Stelle Valeria Ciarambino stigmatizzando che Villari ha scalzato “figure di candidati plurititolati e con profili sicuramente piu’ in linea con quella di presidente di Citta’ della Scienza come Odifreddi e Nicolais. Una nomina che, come in ogni caso in cui c’e’ dietro uno come De Luca, si spiega solo con un inevitabile ritorno elettorale“.

 

Non ci abitueremo mai a questa stagione, inaugurata dall’attuale governatore, in cui la quota politica ha sistematicamente la meglio sul merito. La sanita’, in questo senso, e’ stata l’esempio piu’ eclatante, con una legge a firma De Luca che cancella la selezione trasparente basata sulle competenze per introdurre la chiamata diretta del governatore, che si basa invece sulla fedelta’ a lui stesso. Citta’ della Scienza e’ stata la ciliegina su questo vergognoso sistema e l’ennesima mossa elettorale e disperata di un uomo che ha preso coscienza che la sua stagione e’ finalmente al capolinea“, conclude Ciarambino.