TI OFFRIAMO INFORMAZIONE GRATUITA, RICAMBIA CON UN GESTO DI CORTESIA: CLICCA QUI E LASCIA UN LIKE SULLA PAGINA FACEBOOK DI STYLO24.IT

Non si è fatta attendere la risposta della Cisl-Fp di Napoli al comunicato diffuso nei giorni scorsi da Cgil. Lo scritto (indirizzato al sindaco del capoluogo partenopeo, al direttore generale del Comune, ai gruppi consiliari e ai lavoratori del Comune) è stato prodotto nelle scorse ore e porta in calce la firma di Agostino Anselmi, coordinatore generale Aree funzionali della Cisl-Fp.

ad

La Cisl Napoli
rispedisce al mittente
le «accuse» della Cgil

«Nella giornata di giovedì la Fp-Cgil ha diramato un proprio volantino, attraverso il quale definisce “contratto truffa” il contratto decentrato 2018, siglato da ben tre sigle sindacali – FpCisl, UilFp e Csa – e dalla maggioranza delle Rsu democraticamente elette da lavoratrici e lavoratori».

«La Fp-Cisl  del Comune di Napoli – continua il documento – rimanda al mittente queste accuse e con forza rivendica il proprio ruolo nell’aver determinato un rafforzamento dei salari, dei diritti e la realizzazione di istituti contrattuali attesi da un decennio, quali le Progressioni orizzontali. Nonostante i gravi problemi di bilancio, a giorni saranno corrisposti i ticket di ben tre mesi arretrati».

«Si possono non condividere le scelte – si legge ancora nel comunicato a firma di Anselmi -, ma gettare fango o evocare fantasmi per nascondere propri problemi, non appartiene alla storia del movimento confederale».

«Oggi, più che mai, avere consenso è difficile: solo stando vicini alle persone e ai tanti problemi esistenti si può creare. Questa organizzazione sindacale rimanda le accuse al mittente e non smetterà mai di stare dalla parte di lavoratrici e lavoratori», conclude il comunicato.

TI OFFRIAMO INFORMAZIONE GRATUITA, RICAMBIA CON UN GESTO DI CORTESIA: CLICCA QUI E LASCIA UN LIKE SULLA PAGINA FACEBOOK DI STYLO24.IT