Una veduta di Sorrento

Parte anche da una maggiore regolarita’ nelle corse e da nuove rotte che sposano le bellezze naturali e archeologiche della Campania il rilancio di Eav, Ente Autonomo Volturno. A spiegarlo e’ Umberto De Gregorio, presidente della piu’ grande azienda italiana di trasporto regionale. “La situazione di Eav – commenta – e’ quella di un’azienda che ha tanti problemi, dove il servizio non e’ ancora adeguato rispetto alle esigenze della collettivita’ e in particolare dei pendolari. Ma questi ultimi, come i turisti, sono il nostro punto principale di attenzione. Alcuni risultati positivi li abbiamo, pero’, raggiunti in termini di maggiore regolarita’ delle nostre corse”.

Umberto De Gregorio, presidente Eav, all’interno di uno dei treni

Per i turisti, ma anche per tutti i cittadini campani, aggiunge De Gregorio, “mi piace segnalare due iniziative importanti. Il treno Sorrento night, che viene incontro alla richiesta dei sindaci della costiera sorrentina di tenere aperta la Circumvesuviana nel weekend fino a mezzanotte con il contributo finanziario degli stessi sindaci. C’e’ poi il Cuma Express, lanciato in via sperimentale per le domeniche di luglio, agosto e settembre, ma che poi intendiamo rendere definitivo nella prossima primavera. Qui si prevede un biglietto integrato tra l’Acropoli di Cuma e la Cumana in modo da coniugare concretamente turismo, cultura e trasporto”.

ad

Quelli offerti in notturna o nei giorni festivi sono servizi falliti in altre aziende per contrasti sindacali con i dipendenti o per mancanza di risorse finanziarie, ma in Eav diventano realta’. “I dipendenti sono con noi”, rimarca il presidente. “Su queste operazioni di rilancio con i sindacati c’e’ un confronto molto vivo, a tratti anche duro, pero’ c’e’ un confronto, c’e’ una dialettica aperta. Le cose si dicono in maniera schietta. Spesso si litiga pero’ i risultati sono anche su questo fronte positivi”. Tutte le iniziative messe in campo da Eav, conclude De Gregorio, “avranno l’appoggio dei lavoratori e, quindi, non abbiamo problemi a proporre orari prolungati in occasione di queste iniziative straordinarie”.

Riproduzione Riservata