Sono scesi in strada, operando un blocco del traffico in via Terracina, i dipendenti del cimitero di Fuorigrotta che protestano contro l’Arciconfraternite SS. Sacramento Maria SS.ma del Rosario e S. Francesco di Paola per aver interrotto il rapporto lavorativo con la Seci, azienda che da oltre mezzo secolo gestisce l’intero comparto elettrico dell’unico sepolcreto privato d’Italia. Dopo l’incontro dello scorso 18 aprile non andato a buon fine tra le parti e all’indomani della clamorosa protesta messa in atto nel sito dove, in occasione della Festa della Mamma, sono state accese dai dipendenti tutte le lampade votive, da ieri e fino ad una risoluzione della vertenza, l’intero cimitero restera’ completamente al buio.

ad

In gioco ci sono i posti di lavoro di 15 persone tra personale amministrativo e addetti alla manutenzione del sito. La protesta in strada di ieri e’ solo l’ultimo atto della protesta pacifica messa in atto dai dipendenti che, anche con cartelli che spiegano la situazione agli utenti chiedendo agli stessi scusa per i disservizi che si verificheranno nei prossimi giorni, hanno deciso di portare avanti una mobilitazione ad oltranza.

Riproduzione Riservata