I due si conoscevano già e il prelato è riuscito ad avvisare i carabinieri con un astuto stratagemma

I carabinieri hanno arrestato il 48enne Salvatore Arienzo con l’accusa di estorsione e resistenza a pubblico ufficiale. L’uomo avrebbe costretto il sacerdote di una parrocchia di Cercola, nel napoletano, a consegnargli 20 euro, sotto la minaccia di distruggere banchi e arredi sacri della chiesa. Il parroco, che gia’ conosceva il 48enne, poco prima di essere avvicinato ha fatto partire una telefonata ad un secondo prelato.

Quest’ultimo, dall’altro lato della cornetta, ha ascoltato tutto – minacce comprese – e ha allertato i carabinieri. I militari l’hanno individuato mentre entrava nella stazione della vicina circumvesuviana e inseguito, anche sui binari. Bloccato lo hanno arrestato e poi condotto al carcere di Poggioreale dove e’ rimasto anche dopo la convalida.

ad