Il sindaco Luigi de Magistris festeggia la vittoria coi centri sociali

«Siamo sdegnati e basiti dell’atteggiamento del sindaco, dei tempisti dei centri sociali, che ormai sono il suo braccio armato, per l’ennesima censura che Fratelli d’Italia riceve nel giro di poche settimane». Queste le parole del portavoce del coordinamento cittadino di FdI-An Marta Schifone, che corre in difesa dell’iniziativa organizzata dal consigliere comunale di opposizione, del partito della Meloni.

Marta Schifone, portavoce del coordinamento cittadino di FdI-An
Marta Schifone, portavoce del coordinamento cittadino di FdI-An

La storia è stata raccontata ieri da «Stylo24» e Schifone prova a spiegare come siano andati i fatti: «Il presidente del Consiglio comunale ha prima rilasciato l’autorizzazione all’utilizzo della Sala Nugnes, nel palazzo del Consiglio in via Verdi, per l’evento organizzato dal consigliere FdI-An Andrea Santoro. Poi, dopo aver subito pressioni da parte di centri sociali e di alcuni consiglieri di maggioranza, ha revocato il permesso».

Il consigliere comunale Andrea Santoro (Fratelli d’Italia-Alleanza nazionale)
Il consigliere comunale Andrea Santoro (Fratelli d’Italia-Alleanza nazionale)

Per Marta Schifone si tratta delle «stesse modalità utilizzate dal Comune per l’arrivo in città del bus della libertà, poco meno di un mese fa, quando fu revocata l’autorizzazione al pullman nel poter sostare in piazza Trieste e Trento. Ci hanno messo nuovamente il bavaglio. Si tratta di un vero e proprio attentato alla democrazia, che consideriamo intollerabile ed inaccettabile. Andrea Santoro fa bene a far sapere che la manifestazione si terrà comunque. Invitiamo tutte le persone libere di Napoli a partecipare» conclude la portavoce del coordinamento di Napoli degli ex missini.